This site uses cookies. By continuing to browse the site you are agreeing to our use of cookies. Read our privacy policy>

Reminder

To have a better experience, please upgrade your IE browser.

upgrade
Se hai bisogno di aiuto, fai clic qui:

In termini di prestazioni, i sistemi di archiviazione all-flash di Huawei sono paragonabili a quelli di un altro fornitore. Tuttavia, quando si parla di scalabilità, il numero di nodi e cabinet che possono essere aggiunti ai sistemi di Huawei è superiore e ciò elimina la necessità di impilare più sistemi. Questa scalabilità lineare era esattamente ciò di cui avevamo bisogno!

Michael Tschuck CSS Insurance, Head of Backup and Recovery Processes
Background

CSS Insurance, con sede in Svizzera, è un'organizzazione centenaria fondata nel 1899 che offre servizi assicurativi di tipo commerciale. CSS è la seconda più grande compagnia di assicurazioni sanitarie nel paese. Con oltre 120 filiali e un reddito dichiarato pari a 5,1 miliardi di franchi svizzeri nel 2012, attualmente il gruppo assicura 1,73 milioni di clienti e 18.850 aziende. Sebbene CSS sia molto lieta di questi sviluppi aziendali, una persona in particolare al suo interno ne ha risentito molto. Si tratta di Michael Tschuck, responsabile dei processi di backup e ripristino. Il sig. Tschuck ha lavorato presso CSS per diverso tempo, occupandosi della supervisione dell'iniziativa legata al consolidamento dei dati, nonché della distribuzione del primo array all-flash. Un'altra sua responsabilità era quella di gestire eventuali problematiche riscontrate a livello di performance.

Un numero crescente di clienti sceglie di rivolgersi a CSS per le proprie esigenze in fatto di assicurazione sanitaria. L'espansione dell'attività commerciale voleva dire che i data center all'interno dell'organizzazione avrebbero dovuto elaborare un volume maggiore di servizi ogni giorno (creazione di polizze, richieste, presentazione di reclami e monitoraggio). Nel corso della seconda metà del 2012 si sono presentati i primi problemi tecnici. I dipendenti, gli intermediari assicurativi e i clienti di CSS stavano riscontrando rallentamenti nell'accesso ai sistemi durante le ore di punta.

Sfide

Accelerazione dei servizi: necessità assoluta


Il consolidamento dei dati è diventato un impegno essenziale nel settore finanziario e in quello assicurativo. Il consolidamento di dati aziendali quali le schede clienti, i dati delle compagnie assicurative, i pagamenti dei premi e i reclami all'interno dei data center presso la sede centrale consente all'organizzazione di migliorare l'efficienza operativa, ridurre i rischi, incrementare i livelli di servizio e abbassare i costi informatici complessivi.

A fronte dei suoi numerosi vantaggi per le aziende assicurative, il consolidamento dei dati porta però con sé anche diverse problematiche di tipo tecnico come, ad esempio, l'esigenza di raggiungere un Ripristino di emergenza (DR) di livello adeguato, la sicurezza delle informazioni e la rapidità di risposta. Il tasso di risposta, in particolare, influisce direttamente sull'efficienza operativa e sul grado di soddisfazione del cliente, fattori questi che lo rendono una priorità agli occhi dei CIO impiegati all'interno delle compagnie assicurative. Da tempo ormai i responsabili dei dipartimenti informatici stanno cercando di migliorare in diversi modi i tempi di risposta dei data center. Le compagnie assicurative si sono concentrate soprattutto sui database, in modo tale da migliorare le prestazioni IOPS (ovvero il numero di operazioni di I/O al secondo) dei dispositivi di archiviazione.

Il sig. Tschuck ha confermato che CSS Insurance aveva già completato il processo di consolidamento dei dati qualche tempo prima. Due data center che si trovano nella città di Lucerna supportano le loro attività in tutto il paese. In qualità di seconda compagnia di assicurazione sanitaria più grande del paese, CSS conosce perfettamente i vantaggi legati all'elaborazione rapida dei dati per il proprio business, ed è proprio per questo motivo che l'organizzazione ha voluto prestare un'attenzione particolare all'innovazione tecnica dei sistemi IT. Nel 2009, CSS ha acquistato il primo set completo di array di dischi a stato solido (SSD) per gestire il traffico crescente all'interno dei suoi data center. Gli array sono stati utilizzati per accelerare i servizi di archiviazione per i principali sistemi applicativi. Possiamo dunque ritenere che CSS sia stata una delle prima aziende ad adottare i sistemi all-flash.

Tuttavia, nel corso del tempo, la capacità dei sistemi IT si è rivelata insufficiente per tenere il passo con uno sviluppo aziendale così rapido, diventando motivo di forte preoccupazione per l'organizzazione. Il sig. Tschuck ha dunque coordinato un gruppo di persone per investigare il problema, scoprendo infine che la ragione principale alla base del rallentamento era legata al fatto che gli array all-flash dedicati alla gestione dei servizi mission-critical erano limitati a 150.000 IOPS, un numero insufficiente durante le ore di picco. Secondo il dipartimento informatico di CSS, le stime effettuate in base al tasso di sviluppo attuale dei principali sistemi aziendali richiederebbero 300.000 IOPS per soddisfare i requisiti di prestazione per i prossimi 3-5 anni.

Oltre ai problemi di performance, il sig. Tschuck e il suo team avevano anche notato problemi a livello di capacità nel sistema esistente. Il numero di clienti di CSS Insurance però continuava a crescere, generando un incremento dei volumi di dati. Inoltre l'azienda era in processo di aggiungere nuovi prodotti, il che avrebbe comportato una maggiore necessità di servizi di dati e archiviazione estremamente rapidi. Gli array all-flash che erano stati collocati online nel 2009 fornivano una capacità di soli 5 TB e non erano dunque in grado di supportare gli sforzi di espansione a cascata. Il sistema aveva raggiunto il massimo della capacità già dopo alcune espansioni. CSS aveva bisogno di procurarsi un array all-flash con una migliore scalabilità..

Soluzione

Combinazione perfetta di prestazioni e capacità


Il sig. Tschuck ha iniziato a cercare una nuova soluzione. Considerata l'ampia gamma di opzioni disponibili, il processo di analisi e selezione dell'offerta più adatta si è rivelato piuttosto lungo e intenso. Tschuck ha considerato la possibilità di aggiungere nuovi sistemi all'apparecchiatura esistente. Inoltre, avrebbe dovuto tener presente il livello di prestazione che sarebbe stato necessario per soddisfare le esigenze aziendali di lì a qualche anno. Dopo ripetute discussioni con Infoniqa, integratore di CSS, l'azienda ha infine deciso di acquistare nuovi array all-flash da Huawei per sostituire il sistema esistente.

Infoniqua ha dapprima consigliato altri due fornitori e avviato i test. Il sig. Tschuck ha affermato: “L'apparecchio del primo fornitore non ha superato il test di stress. Quando le operazioni IOPS hanno raggiunto 300.000, il livello di latenza si è alzato sensibilmente. Di conseguenza, quel prodotto è stato scartato. L'apparecchio del secondo fornitore ha superato il test di stress ma la scalabilità lasciava molto a desiderare. CSS avrebbe dovuto acquistare un altro set di apparecchiature per poter soddisfare le esigenze previste in termini di capacità, a fronte di un investimento ulteriore”.

Il sig. Tschuck continuava a pensare a come avrebbe potuto risolvere la situazione. Infoniqa ha allora iniziato a prendere in considerazione i sistemi di archiviazione all-flash Dorado di Huawei, in grado di raggiungere 600.000 IOPS mantenendo una latenza pari a un solo bassissimo e stabile millisecondo. Dorado disponeva inoltre di una capacità di 40 TB, sufficiente a soddisfare le esigenze future di CSS per molti anni a venire. Infoniqa consiglia poi di testare gli array all-flash di Huawei.

Seppure speranzoso, il sig. Tschuck nutriva dei dubbi sulla stabilità del prodotto. Dopo quasi due anni passati a condurre test funzionali e di stress, Tschuck si convince pienamente della stabilità dei sistemi di archiviazione all-flash di Huawei, aprendo le porte alla più ampia capacità di archiviazione della categoria con il massimo grado di scalabilità.

CSS Insurance decide di acquistare tre set di dispositivi all-flash Huawei (con una capacità iniziale di 10 TB) per rinnovare il sistema di archiviazione esistente. In ciascun data center di produzione sarebbe stato impiegato un set a supporto dei servizi principali. Questi nuovi set di array all-flash avrebbero sostituito i due set esistenti. Il terzo set, invece, sarebbe stato utilizzato per condurre test funzionali per i nuovi servizi.

Vantaggi

Una trasformazione all-flash ottimale


CSS Insurance ha lanciato i sistemi di archiviazione all-flash di Huawei nel settembre 2013. Oggi, grazie a questi sistemi accelerati, CSS Insurance ha eliminato i suoi problemi informatici. Le prestazioni IOPS aumentano in senso lineare, di pari passo con il business. I sistemi sono in grado di mantenere una risposta rapida e stabile, migliorando efficacemente l'efficienza dei data center. Ciò ha portato al miglioramento sia della produttività, sia del livello di soddisfazione dei clienti. La soluzione proposta da Huawei ha risolto tutte le maggiori problematiche, garantendo al contempo una buona accessibilità complessiva a livello di progettazione dell'architettura di sistema. Gli incrementi lineari a livello di scalabilità e prestazioni consentono a CSS di impiegare al meglio il proprio budget IT, oggi e in futuro. Scopri in che modo Huawei può aiutarti a utilizzare al meglio un budget IT limitato grazie a un'ampia scalabilità che cresce di pari passo con il tuo business.

0 lettori

(0 valutazioni)

Ti è piaciuta questa storia? Valutala.

0/500

Scrivi qui il tuo commento
Invia

0  commenti

    Altri commenti

      La valutazione è stata inviata.

      Il messaggio è stato inviato.

      Valutazione fallita.

      Invio fallito.

      Scrivi prima il tuo commento.

      WORLDWIDE